Come conservare le castagne: cotte, crude e con l'alcol

11 min di lettura

Fonte: come-conservare-le-castagne

Quanto è bello andare a fare lunghe passeggiate nei boschi e tornare con uno zaino pieno di castagne? Se non sai come conservare le castagne che hai raccolto in questi giorni leggi i nostri suggerimenti, non ne potrai più fare a meno!

PUBBLICITÀ

L’autunno è alle porte e il tempo della raccolta delle castagne si avvicina, durante questo periodo sono in tante le persone che si chiedono come riuscire a conservare le castagne a lungo, anche tu sei fra queste?

Lo sappiamo, le castagne sono molto gustose e adatte a preparare tante ricette saporite, purtroppo però possono essere raccolte soltanto tra la fine di settembre e il mese di ottobre, quindi è molto difficile, se non impossibile trovarle in altri periodi dell’anno.

Se anche tu hai questo problema e vorresti mangiare tante castagne anche durante l’inverno o le altre stagioni, allora preparati, siamo pronti a svelarti tante tecniche per conservare le castagne fresche!

Leggi l’articolo per rubare i nostri consigli e assaporare le castagne in ogni periodo dell’anno!

Come conservare le castagne fresche appena raccolte

Le castagne, per essere mangiate non solo durante l’autunno ma in ogni momento dell’anno, devono essere conservate con cura e attenzione.

Per farlo ci sono due modalità principali diversi: c’è chi preferisce conservare le castagne appena raccolte crude, e chi invece ama conservarle cotte.

Possiamo dirti che non c’è un modo giusto o un modo sbagliato, ma di sicuro alcune modalità di conservazione delle castagne sono più adatte di altre a seconda dello scopo.

PUBBLICITÀ

Per esempio, se si vogliono mangiare le castagne fresche a distanza di una settimana, si possono conservare crude, altrimenti, se si ha in mente di preparare un gustoso dolce per un compleanno invernale, allora sarà meglio conservare le castagne cotte.

Ci sono tanti diversi procedimenti per conservare le castagne sia crude che cotte, ora te le spiegheremo tutte, preparati a prendere appunti!

Conservare le castagne crude in acqua

Tastelist

Fonte: come-conservare-le-castagne-in-acqua

Uno dei metodi più conosciuti per conservare le castagne è immergerle crude in acqua: questo metodo viene chiamato anche novena delle castagne o annegamento e prevede un procedimento molto dettagliato.

Primo step: riporre le castagne in un recipiente molto capiente e ricoprirle completamente con l’acqua; dopo un po’ risaliranno a galla dei frutti che andranno buttati.

Secondo step: dopo aver completato il primo passaggio, ogni giorno per i successivi quattro giorni, dovrai cambiare metà dell’acqua che sommerge le castagne.

Terzo step: una volta superato il quarto giorno, a partire dal quinto giorno sino ad arrivare al nono giorno dovrai sostituire tutta l’acqua usata per la conservazione delle castagne.

Quarto step: trascorsi i 9 giorni si passa all’asciugatura delle castagne. Per completare questa fase nel modo corretto è importante che le castagne vengano scolate e asciugate perfettamente. Soltanto dopo che avrai tamponato con attenzione le castagne con un canovaccio, dovrai posarle su un vassoio e lasciarle asciugare per due giorni.

Trascorsi gli ultimi due giorni, le castagne sono pronte per la definitiva conservazione.

Ti consigliamo di conservare le castagne in un luogo asciutto e fresco, in questo modo potrai consumarle anche dopo alcuni mesi.

PUBBLICITÀ

Come conservare le castagne fresche nel freezer

Tastelist

Fonte: come-conservare-le-castagne-crude

Conservare le castagne fresche nel freezer è di sicuro una soluzione più semplice rispetto a quella di utilizzare il metodo della novena di cui ti abbiamo appena parlato.

Se quindi vuoi conservare le castagne fresche ma non hai molto tempo a disposizione per farlo, allora congelarle è la scelta più adatta a te.

Per conservare le castagne nel freezer dovrai prima di tutto spazzolarle, lavarle e asciugarle con attenzione, è molto importante che non rimangano residui di acqua.

Dopo aver fatto questi primi passaggi, fai un taglietto su ogni castagna e riponile tutte dentro ad alcuni sacchetti di plastica per il freezer.

Sebbene la temperatura più adatta per congelare le castagne sia di -20 gradi, anche quella dei freezer normali casalinghi è comunque considerata ottima.
 
In questo modo le castagne possono durare per tutto l’anno e potrai utilizzarli per cucinare le tue ricette preferite cuocendole in padella, bollite o come desideri.

Volendo le castagne possono essere congelate anche cotte: nel prossimo paragrafo vediamo subito tutti i modi in cui puoi cuocere le castagne per conservarle al meglio in freezer.

Come conservare le castagne cotte in freezer: tutte le modalità

Tastelist

Fonte: come-conservare-le-castagne-cotte

Puoi conservare le castagne cotte in freezer e per farlo puoi cucinarle in tantissimi modi.

Alcuni dei modalità di cottura che puoi usare per cucinare le tue castagne e conservarle in freezer sono:

  • bollitura in pentola;
  • al forno;
  • alla griglia;
  • in padella.

Prima di riporre le castagne in freezer ricorda sempre di eliminare con attenzione la buccia, dopodiché potrai inserirle nei sacchetti di plastica, congelarle con facilità e consumarle entro sei mesi.

PUBBLICITÀ

Come conservare le castagne secche

Tastelist

Fonte: come-conservare-le-castagne-secche

Se non vuoi conservare le castagne in acqua o in freezer, puoi usare un altro metodo molto efficace quello dell’essiccazione.

Conservare le castagne secche ti permetterà di conservarle per un anno intero e quindi sino alla prossima stagione, in questo modo riuscirai così a non rimanere più senza!

Unico neo di questa tecnica? Non è velocissima completarla si impiega un po’ di tempo.

Il metodo tradizionale per essiccare le castagne prevede di tenerle al sole durante le ore più calde della giornata per circa un paio di mesi.

Ma ti sveliamo un piccolo segreto: puoi essiccare le castagne anche al forno.

Per essiccare le castagne in modo semplice e veloce, puliscile per bene, falle bollire per 20 minuti in una pentola con abbondante acqua e infornale per circa 90 minuti a 200 gradi, dopodiché apri leggermente il portellone e lasciale raffreddare dentro il forno.

Qualsiasi sia la modalità scelta, per conservare le tue castagne secche, riponile dentro un contenitore ermetico, in questo modo dureranno per circa un anno.

Come conservare le castagne secche facendo la farina di castagne

Per conservare le castagne secche puoi trasformarle anche in una farina di castagne che puoi usare per insaporire le tue torte, rendere più gustose le tue zuppe o addensare le tue salse.

Se ti ho incuriosito e non vedi l’ora di provare questa tecnica, seguo questi passaggi:

  • lava le castagne e falle cuocere per 40 minuti in una pentola di acqua bollente;
  • lasciale raffreddare, sbucciale e infornale a 160° per circa un’ora;
  • lasciale raffreddare per tutta la notte;
  • frullale un po’ alla volta con l’aiuto di un minipimer.

Dopo aver completato tutti i passaggi otterrai una farina sottile che potrai conservare dentro contenitori ermetici o congelare in freezer.

Come conservare le castagne nei barattoli con la sabbia

Uno dei metodi più antichi per mangiare le castagne tutto l’anno è quello di conservare le castagne nella sabbia.

Anche se sembra una pratica molto complicata, è davvero semplice eseguirla, basta seguire questi passaggi:

  • pulisci per bene le castagne ed elimina quelle che non sono buone;
  • procurati della sabbia pulita;
  • all’interno di un contenitore ermetico disponi uno strato di sabbia;
  • ora crea un piccolo strato di castagne;
  • continua sino a che non avrai riempito il barattolo.

Forse ti starai chiedendo perché si utilizza proprio la sabbia, semplice: la sabbia è in grado di trattenere tutta l’umidità ed evitare la formazione di muffe.

Come conservare le castagne sotto spirito

Tastelist

Fonte: come-conservare-le-castagne-in-barattolo

Come ultimo suggerimento ti voglio spiegare il metodo più creativo per conservare le castagne: sotto spirito.

Per conservare le castagne sotto spirito ti serviranno:

  • una pentola;
  • dell’acqua;
  • dello zucchero;
  • spezie e agrumi (a piacimento);
  • alcool e rum.

Il primo step che devi affrontare è quello della preparazione dello sciroppo: versa un po’ di acqua e di zucchero in una casseruola e lascia bollire il composto per mezzora assieme a un po’ di spezie e di buccia di agrumi per insaporire il tutto.

Trascorsa la mezzora lascia raffreddare lo sciroppo e aggiungi sia l’alcol che il rum, fai bollire le castagne, scolale ed elimina tutte le bucce.

Ora non ti resterà che mettere le castagne in un barattolo di vetro e ricoprirle con lo sciroppo che hai appena preparato, non ti sembra buonissimo?

Come cucinare le castagne conservate in casa

Tastelist

Ora che hai conservato tutte queste castagne scommetto che non sai proprio come cucinarle, non ti preoccupare, è normalissimo!

Per aiutarti e darti qualche idea su come cucinare le castagne, ecco qualche ricetta che può fare al caso tuo:

  • castagne al forno
  • castagne al microonde
  • Frittelle di farina di castagne
  • Castagne bollite
  • Zuppa con ceci e castagne
  • Torta di castagne
  • Crema di castagne e zabaione
  • Castagnaccio
  • Tortelli di castagne ai funghi
  • Pasta con castagne

{{Ricette: Cgwsz6A7BNW6WJd2lc-5}}

Castagne al forno

Foto del profilo utente
GianaMaria 9 ricette
15 min
15 min
Procedura
Preriscaldare il grill a 205°C (400°F). Metti carote, castagne, cipolline e mele in una ciotola enorme. In una ciotolina unire l'olio d'oliva, il nettare e le foglie di timo. Versare sopra carote, castagne, cipolle e mele e coprire bene. Condire con sale e pepe. Elimina le mele e mettile via. Aggiungere le carote, le castagne e le cipolle a un foglio di preparazione lubrificato e mettere sul fuoco per 8 minuti. Eliminare dal fuoco e aggiungere le mele. Cuocere per altri 6 minuti, o fino a quando la mela e le verdure sono cotte. Togliere dal fuoco e servire.
Preriscaldare il grill a 205°C (400°F). Metti carote, castagne, cipolline e mele in una ciotola enorme. In una ciotolina unire l'olio d'oliva, il nettare e le foglie di timo. Versare sopra carote, castagne, cipolle e mele e coprire bene. Condire con sale e pepe. Elimina le mele e mettile via. Aggiungere le carote, le castagne e le cipolle a un foglio di preparazione lubrificato e mettere sul fuoco per 8 minuti. Eliminare dal fuoco e aggiungere le mele. Cuocere per altri 6 minuti, o fino a quando la mela e le verdure sono cotte. Togliere dal fuoco e servire.

Torta montebianco

Foto del profilo utente
cookinstar 1092 ricette
30 min
1
30 min
1
Guardate come si prepara il più delizioso dei dessert alle castagne! Questa ricetta del dessert del Monte Bianco (chiamato Monte Bianco in italiano) è ispirata al Monte Bianco: la montagna più alta delle Alpi!
Guardate come si prepara il più delizioso dei dessert alle castagne! Questa ricetta del dessert del Monte Bianco (chiamato Monte Bianco in italiano) è ispirata al Monte Bianco: la montagna più alta delle Alpi!

Fonte: Youtube

Supporto per chi ama cucinare

Ottime ricette, consigli e suggerimenti utili e tanta ispirazione. Unisciti a chi ama cucinare e trova la risposta alla domanda: Cosa cucinerò oggi?

PUBBLICITÀ